Skip to main content

Assistenza giudiziaria

È coinvolto-a in una procedura giudiziaria e non ha i mezzi necessari per pagare le spese di avvocato-a o le spese giudiziarie?
A determinate condizioni, può ricorrere all’assistenza giudiziaria, che finanzia integralmente o parzialmente tali spese.

Che cosa è l’assistenza giudiziaria?

L’assistenza giudiziaria è un aiuto finanziario che può essere concesso se le sue risorse sono insufficienti per difendere i suoi interessi in tribunale nell’ambito di una procedura civile o amministrativa, purché si ritenga che la sua causa abbia probabilità di successo e che l’assistenza di un avvocato-a sia considerata necessaria.

Questo aiuto non è gratuito, ma costituisce un anticipo. Se ne usufruisce, dovrà rimborsare l’importo delle prestazioni ricevute non appena ne avrà la possibilità.

Esso consiste principalmente nell’assunzione:

  • Degli onorari dell’avvocato-a (tariffa prevista dal RAJ), e/o
  • Delle spese giudiziarie in particolare l’anticipo sulle spese

In quali casi?

L’assistenza giudiziaria può essere concessa nell’ambito di procedure giudiziarie, di mediazioni o di pratiche extragiudiziali.
 

  • Procedure giudiziarie

Può usufruire dell’assistenza giudiziaria nell’ambito di una procedura giudiziaria, a condizione che essa si svolga nel cantone di Ginevra.

Esso consente di assumere tutte o parte delle spese giudiziarie (anticipi, spese di perizia, di curatrice o curatore, d’interprete, ecc.) e di onorari del-la vostro-a avvocato-a, se il suo intervento si rivela necessario.

L’assistenza giudiziaria non si fa carico delle multe, né della partecipazione alle spese della parte avversa (spese ripetibili) stabilite nella sentenza.

 

  • Mediazioni

Alcuni litigi o conflitti non richiedono necessariamente il ricorso ai tribunali. L’assistenza giudiziaria può essere concessa anche per le spese relative ad una mediazione a monte o a margine di una procedura giudiziaria, a condizione che faccia ricorso ad una mediatrice o un mediatore asseverato-a.

 

  • Pratiche extragiudiziali

L’assistenza giudiziaria può essere concessa anche nell’ambito di pratiche non giudiziarie, a condizione che risieda a Ginevra e che il conflitto sia di competenza dei tribunali ginevrini, qualora dovesse diventare giudiziario.

In tal caso, esso si farà carico solo degli onorari dell’avvocato-a (ad esclusione di tutte le altre spese), relativi alle eventuali pratiche e trattative effettuate a monte di una potenziale procedura giudiziaria.

Gli onorari del/della suo-a avvocato-a le vengono anticipati solo se il suo intervento è indispensabile e se lei non è in grado di effettuare le pratiche in modo autonomo o con l’aiuto di un servizio sociale competente. Le pratiche puramente amministrative non sono comprese nell’assistenza giudiziaria.

A quali condizioni?

Un aiuto che dipende dalle sue condizioni finanziarie

La concessione dell’assistenza giudiziaria dipende essenzialmente dal suo reddito disponibile.

Esso è valutato dalla Greffe de l'assistance juridique al momento del deposito della sua domanda, detraendo i suoi oneri irriducibili dai suoi redditi (salario, pensioni, assegni, ecc.). Tiene anche conto della sua sostanza personale (mobile e immobile).

Tutte le persone fisiche il cui saldo disponibile o la cui sostanza non permette di coprire il minimo vitale o di farsi carico della remunerazione di un avvocato-a, oppure di pagare l’anticipo sulle spese giudiziarie, può chiedere l’assistenza giudiziaria.

 

Obbligo di rimborso

L’assistenza giudiziaria non è gratuita. Si è tenuti a rimborsare le prestazioni non appena se ne avrà la possibilità.

Al momento della decisione di concessione, la cancelleria valuta la quota del saldo disponibile che lei può assegnare alle spese di avvocato-a e alle spese giudiziarie per definire - se possibile - l’importo della sua partecipazione mensile. Quest’ultima non termina con il processo, ma resta esigibile fino alla decisione finale dell’assistenza giudiziaria.

In effetti, al termine della procedura d’assistenza giudiziaria è effettuato un conteggio finale. Le mensilità già versate sono detratte da questo conteggio per definire ciò che rimane da rimborsare. Se le mensilità pagate superano gli onorari e le spese giudiziarie anticipate dall’assistenza giudiziaria, l’eccedente le sarà rimborsato.

Il rimborso delle prestazioni dell’assistenza giudiziaria può essere esatto per 10 anni.

Ottenere informazioni più dettagliate sul rimborso

 

Impegno di trasparenza

Quale contropartita alla concessione dell’assistenza giudiziaria, lei si impegna ad essere totalmente trasparente circa la sua situazione personale ed economica. È tenuto-a ad informare la cancelleria di qualsiasi cambiamento, pena di revoca di questo aiuto e/o di denuncia penale.

Come fare la domanda?

È la Greffe de l'assistance juridique, in stretta collaborazione con la presidenza del Tribunal Civil, a gestire e coordinare le domande.

Tappa 1: compilare la domanda

Scarichi il modulo di domanda direttamente dal nostro sito o lo ritiri presso la Greffe universel del Palazzo di giustizia, le cancellerie del Tribunal Civil, del Tribunal des prud'hommes, del Tribunal de protection de l'adulte et de l'enfant o della Cour de justice.

Iniziare a compilare la domanda

 

Tappa 2: presentare il modulo

Spedisca la domanda d’assistenza giudiziaria per posta alla Greffe de l'assistance juridique o la depositi alla cancelleria del Tribunal Civil o alla Greffe universel.

La sua domanda deve imperativamente essere corredata dai documenti giustificativi obbligatori indicati nel modulo.

Tappa 3: la sua domanda è esaminata

La cancelleria dell’assistenza giudiziaria prepara e valuta il suo fascicolo:

  • La sua situazione finanziaria
  • La necessità dell’intervento di un consulente legale
  • Le probabilità di successo del processo

È possibile che la cancelleria le chieda delle informazioni supplementari.

 

Tappa 4: il o la giudice pronuncia la propria decisione e gliela notifica

Lei e il/la suo-a consulente, se ne ha già uno-a, riceverete la decisione di concessione o di rifiuto. Se la sua domanda è accolta, la decisione stabilisce anche i limiti della concessione e l’importo della sua eventuale partecipazione mensile.

 

Tappa 5: può ricorrere contro la decisione

Può contestare una decisione di rifiuto, di revoca o anche di concessione parziale dell’assistenza giudiziaria per iscritto presso la presidenza della Cour de justice, entro il termine indicato nella decisione (10 o 30 giorni, in funzione della materia in questione).

 

Tappa 6: possibilità di chiedere un’estensione dell’assistenza giudiziaria

Se necessario, può chiedere un’estensione dell’assistenza giudiziaria, ad esempio per la procedura di appello o di ricorso contro la sentenza di prima istanza. Si ricorda che la concessione dell’assistenza giudiziaria è sempre limitata ad una sola istanza.

Contatti

Indirizzo

Indirizzo

Place du Bourg-de-Four 3
Edificio C

1204 Genève

Come contattarci

Telefono

Orari
10h-12h

Dove scriverci

Greffe de l'assistance juridique
Case postale 3901
1211 Genève 3

Domande/risposte

In linea di massima sì, a condizione che la procedura si svolga dinnanzi alle giurisdizioni ginevrine.

Nella procedura penale, l’imputato-a può essere soggetto-a al regime particolare della difesa d’ufficio. Sarà quindi il-la magistrato-a incaricato-a della procedura a comunicarle le informazioni in merito. A determinate condizioni, anche l’accusatore privato può aver diritto all’assistenza giudiziaria.

La concessione dell’assistenza giudiziaria in linea di massima non ha effetto retroattivo e, salvo eccezioni, lo Stato si fa carico solo delle spese sostenute a decorrere dal deposito della sua domanda di assistenza.

In linea di massima, sì: l’assistenza giudiziaria, che può essere totale o parziale, costituisce un anticipo rimborsabile da parte della persona beneficiaria, mediante pagamenti mensili dovuti a decorrere dall’inizio della procedura, in alcuni casi.

Al termine della procedura per la quale è stata concessa l’assistenza giudiziaria e in funzione della sua situazione, le potrà essere chiesto di rimborsare allo Stato di Ginevra tutti o parte degli importi che le sono stati anticipati (spese processuali) e quelli che lo Stato ha pagato (remunerazione del suo consulente legale), al netto delle eventuali mensilità già versate.

Se ha versato una partecipazione mensile e se la sua situazione personale non è cambiata, detta partecipazione è dovuta per un massimo di 60 mensilità (5 anni), che il processo sia terminato o meno.

Il credito dello Stato si prescrive in 10 anni a decorrere dal termine delle pratiche o della procedura per la quale l’assistenza giudiziaria è stata concessa. I servizi finanziari del Potere giudiziaro provvedono a recuperare gli importi dovuti.

Sì, in caso di concessione le sarà attribuito un-a avvocato-a d’ufficio.

Il compito del Potere giudiziaro è amministrare la giustizia in maniera imparziale e garantire l’applicazione uguale ed equa delle leggi nei confronti di tutte e tutti.

Non dispensa quindi consulenza giuridica. In compenso, ha la possibilità di rivolgersi ad un servizio di consulenza giuridica, a un sindacato o ad un-a professionista (ad esempio un-a avvocato-a) per ottenere consulenza giuridica a Ginevra.

Accedere alla lista

Vedere anche

Greffe de l'assistance juridique

L'assistenza giudiziaria è un aiuto finanziario concesso a certe condizioni.

Sezione di diritto civile

Le giurisdizioni civili sono competenti per dirimere i litigi che oppongono tra loro privati cittadini o persone giuridiche.

Servizi di consulenza giuridica

Il Potere giudiziaro non fornisce consulenza giuridica. Può rivolgersi alle seguenti associazioni ed enti.